Come fare la VERNICE

Come fare la VERNICE

Le vernici sono prodotti universalmente noti, e si definiscono dicendo che sono una miscela colorata, liquida con la quale si coprono le superficie, che siano di legno, metallo o altra natura, al fine di preservare gli effetti del tempo. A seconda della loro composizione, le vernici, una volta asciutte, possono avere un aspetto opaco o lucido.

Nella fabbricazione di queste intervengono due fattori opposti: semplicità e difficoltà.

La semplicità riguardo la produzione stessa e la difficoltà di dare la finezza necessaria affinché il risultato sia perfettamente omogeneo e liscio, non presentando una superficie grumosa.

Comunemente, le vernici sono costituite essenzialmente da tre ingredienti: il legante, il seccanteCome fare la vernice 2 e i pigmenti.

Il legante è il liquido che si introduce nella miscela con il fine di produrre una pellicola sulla superficie dipinta, aderire alla stessa e mantenere in sospensione il pigmento e gli altri ingredienti.

I seccanti sono prodotti che si incorporano all’olio, perché questo si asciughi in uno spazio di tempo relativamente corto.

E infine i pigmenti, sono particelle, quasi sempre di origine metallica, destinate a dare colore e a volte ad aiutare a preservare la superficie dipinta.

I pigmenti per essere buoni, devono avere alcune caratteristiche: 1° Opacità, cioè, devono “coprire” completamente quello che stato dipinto. 2° Elasticità, che è una proprietà molto ricercata dovendo con una quantità minima, coprire una superficie più grande. 3° Durata e resistenza alla luce. Anche se molte persone dividono queste due proprietà, si possono intendere come una sola. Come suggerisce il nome, è la resistenza che oppongono alla decolorazione per azione della luce e la influenza degli agenti fisici quali pioggia, freddo, caldo, ecc…

I pigmenti non sono solubili nel legame, ma sono particelle di origine metallica, finemente polverizzate, che si introducono, come è stato detto, con lo scopo di dare strato colorato.

Possiamo infine fare una distinzione tra vernici e coloranti. Mentre le prime coprono solo la superficie dipinta e gli danno un colore grazie ai pigmenti in sospensione, i coloranti tingono la miscela, essendo assorbiti dai pori di questa. I coloranti si usano in genere per colorare il legno.

Dopo queste piccole informazioni, vediamo come si produce una vernice all’olio.

Prepareremo una vernice bianca.

Per questa acquistiamo un chilo di biacca.

Dopo versiamo il piombo in un bidone e lo mescoliamo con l’olio di lino cotto. (L’olio di lino cotto è chiamato così perché è stato preparato con un seccante e per questo, ci evita il lavoro dell’aggiunta del terzo ingrediente alla vernice. Inoltre, il suo costo è solo leggermente superiore Come fare la vernice 4a quello crudo). Questo impasto deve essere semifluido. Una volta che la miscela è perfettamente omogenea, si pone una quarta parte di acquaragia.

La vernice di per sé è già pronta, ma ora arriva il lavoro identificato come difficile. Questa è la “macinazione”.

Per fare questa operazione, è spesso usato un mulino a sfere in scala ridotta, simile a quello mostrato nel disegno.

È essenzialmente costituito da un tamburo di ferro in cui ci sono una serie di sfere di acciaio.

In questo tamburo viene introdotta la vernice e si fa andare abbastanza tempo. Lo scontro delle sfere d’acciaio tra di loro, è sufficiente perché si polverizzi perfettamente e impalpabilmente il pigmento.Come fare la vernice 3

Quindi, al fine di correggere eventuali imperfezioni della macinatura, si passa attraverso un setaccio molto spesso. Il residuo grosso che rimanente su di esso, si reintroduce nel mulino con altra vernice, per utilizzarlo.

Se invece di utilizzare il piombo bianco (biacca), utilizziamo un giallo o un rosso, ecc…, avremo il colore corrispondente. I toni e semitoni li otterremo miscelando i colori con il bianco. Si deve infine tener presente, nella miscela di colori, che ci potrebbe essere un reazione chimica tra di loro. Per esempio, la biacca non si può utilizzare con un pigmento a base di solfuro, visto che darebbe colore scuro, quasi nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.